Biscotti Linzer

linzer

Biscotti Linzer

  • 70 g di farina di mandrole
  • 280 g di farina 00
  • mezzo cucchiaino di sale
  • un pizzico di cannella
  • 230 g di burro, ammorbidito a temperatura ambiente
  • 200 g di zucchero
  • mezzo cucchiaino di estratto di mandorle (facoltativo)
  • 1 uovo
  • 100 g di marmellata di lamponi
  • 60 g di zucchero a velo
PER CIRCA 20 biscotti linzer

Mescolate insieme le farine, il sale e la cannella in una ciotola media.

Da parte, lavorate insieme il burro e lo zucchero con una planetaria o mixer a mano per circa 3 minuti con una velocità medio-alta. Raschiate bene i bordi e il fondo della ciotola, quindi aggiungete l’uovo e l’estratto di mandorle. Continuate a lavorare l’impasto ad una velocità medio-alta per 1 minuto. Raschiate nuovamente la ciotola per mescolare bene il tutto.

Aggiungete il composto di farine e mescolate a velocità minima solo fino ad appena amalgamare l’impasto, per circa 30 secondi.

Dividete l’impasto in due porzioni, formatevi due dischi piatti d’impasto, avvolgeteli in pellicola alimentare, e trasferite in frigorifero per almeno un’ora prima di procedere con la ricetta.

Scaldate il forno a 180°C.

Togliete un disco d’impasto dal frigo alla volta, e scartate la pellicola. Stendetelo con un matterello tra 2 fogli di carta forno, fino ad ottenere un spessore di circa 3-5 mm.

Con un tagliapasta circolare del diametro di 5 cm ricavate tanti dischi che disporrete, distanziandoli, su di una teglia rivestita di carta da forno. Ripetete con l’altro disco di impasto. Utilizzando un taglia biscotto piccolo a forma di stella, tagliare i centri di metà dei biscotti. Trasferite le placche con i biscotti ritagliati in freezer per 15 minuti prima di cuocerli.

Trasferite le teglia dal freezer al forno (già caldo), e cuocete per 9-11 minuti. Sfornate e fate raffreddare bene prima di procedere. Spolverate solo i biscotti con il foro al centro con lo zucchero a velo. Spalmate un cucchiaino di marmellata su ogni biscotto (senza foro) e chiudete a panino con il biscotto che avete spolverato con lo zucchero a velo.

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *