Il Meglio del Texas

Questa volta ho pensato che non ne sarei uscita viva, dal Texas. Il mio viaggio è stato una commedia degli equivoci grazie a influenze, raffreddori, caviglie slogate e voli cancellati tanto da meritarsi l’appellativo di “vacanza infernale” da parte di tutti i partecipanti. Vi risparmio ulteriori dettagli per concentrarmi invece sugli aspetti positivi, che sono stati molti, a dispetto dei giorni passati a letto o in coda per i bagagli smarriti all’areoporto. Quindi, ecco a voi, senza esitazioni, i miei momenti preferiti in ordine sparso:

1. Lockhart, destinazione Barbecue

1463898_10152197055449529_2123974123_nLockhart è definita la capitale del barbecue in Texas, con buona ragione. Questa tranquilla cittadina di campagna ospita ben quattro dei migliori ristoranti del genere, conosciuti in tutto il mondo. Questa volta ho visitato lo storico Smitty’s Market, che mi ha rubato il cuore dal momento in cui ho spinto la porta cigolante per entrare nello scuro e fumoso corridoio che porta ai forni ricolmi di carne. La mia giacca profuma ancora di affumicatura, e non mi viene nessuna voglia di lavarla.

2. GUARDARE QUESTI “COWBOYS URBANI” CAVALCARE NEL CENTRO DI AUSTIN

IMG_5387

3. RIMANERE INCANTATA DA ENCHANTED ROCK

er

Questa enorme massa di granito che domina la campagna vicino a Fredericksburg, TX, non smette di affascinarmi e stupirmi per la sua unicità._MG_5691

4. MUSICA DAL VIVO E BALLI COUNTRY AL WHITE HORSE DI AUSTIN  IMG_5369

Austin si è autoproclamata “capitale mondiale della musica dal vivo”, e per buone ragioni. In qualunque notte della settimana si possono trovare innumerevoli concerti dal vivo dei più svariati generi musicali, disseminati per la miriade di locali in città. Il White Horse è un tuffo nella Austin più vera e rustica, la zona est della città, dove cowboys e hipsters si mescolano per bere, ballare e buona musica.

5. VEDERE GLI SPURS DAL VIVO (FACENDO FINTA DI NON AVERE 39 DI FEBBRE)

IMG_5461

Una partita di NBA dal vivo è come un concerto rock, una gara di danza, uno spettacolo sportivo e coreografico allo stesso tempo: un’indimenticabile, multisensoriale esplosione di intrattenimento. Ah, e c’è anche della pallacanestro giocata ai massimi livelli da giocatori in alcuni casi leggendari.

6. GLI HAMBURGERS DI HOPDODDY, AD AUSTIN

_MG_5882

Come al solito, abbiamo mangiato molti hamburgers durante la nostra permanenza, e la palma del migliore va senza dubbio a Hopdoddy, in Austin. La chiave del loro successo è l’utilizzo di materie prime freschissime, naturali, che danno vita ad hamburgers belli da vedere e ottimi da gustare. Tutto è prodotto in loco: il pane rotondo e fragrante, le patatine fritte tagliate a mano, la carne di angus macinata alla perfezione. Ho anche assaggiato la versione vegetariana e quella al tonno Ahi e wasabi ricavandone un’ottima impressione.

7. LA LUCE DEL SOLE, IL RANCH, IL SILENZIO, I MIEI CANI

IMG_5434IMG_5352xx