Buttermilk = Latticello = ?


Visto che il latticello è di uso frequente nei dolci americani (ma quasi sconosciuto in Italia) ricevo quotidianamente molte email sull’argomento, abbastanza da convincermi a dedicargli un intero post. Questo è il mio tentativo di rispondere a tutte le principali domande che mi rivolgete sull’argomento. Fatemi sapere se manca qualcosa! Dove trovate voi il latticello nella vostra città?

D: Che cos’è il latticello?
R: In origine il latticello era il liquido, acido e senza grassi, che rimaneva dopo aver fatto il burro con la zangola. Attualmente si ottiene aggiungendo acido lattico al latte e lasciando fermentare.

D: Perché usare il latticello per cucinare?
R: Perché è un ingrediente acidico, come lo yoghurt, e dona una piacevole nota aspra a dolci e prodotti da forno. Questa acidità non aiuta solamente i lieviti ad agire, ma ammorbidisce anche il glutine nell’impasto, donando una consistenza più soffice a torte, pane, biscotti e pancakes. È anche un utile per marinare la carne: spesso si usa per ammordibire il pollo.

D: Dove posso trovarlo in vendita?
R: In Italia non è facile da trovare, ma nemmeno impossibile. Alcuni negozi specializzati o supermarket internazionali lo tengono, provate da Superpolo, NaturaSi, Lidl, Todis or Eurospin. A Milano si può trovare anche da Delicatessen in corso san Gottardo e in via Torino. A Firenze da Condolcezza.

D: Posso sostituire il latticello con ingredienti più comuni?
R:  Sì. La buona notizia è che si può facilmente sostituire con altri ingredienti, e che sarà difficile sentire la differenza nel prodotto finale.

  • Surrogato di latticello facile e veloce:
    Mescolate insieme metà di yogurt magro con metà di latte scremato e un po’ di succo di limone. Lasciate riposare a temperatura ambiente da 5 a 15 minuti prima dell’uso. Per essere più precisi: 250g di latte + 250 g di yogurt + 1 cucchiaino di succo di limone = finto buttermilk!
  • Surrogato di latticello più complicato:
    Montate la panna fresca finché non si separi in burro, il liquido che rimarrà è latticello. Se volete conservare il burro ottenuto risciacquatelo sotto acqua fredda prima di metterlo in frigo, in un contenitore a chiusura ermetica.

96 Comments

  • Non so se può interessare, ma seguendo una ricetta americana, ho fatto il latticello aggiungendo un cucchiaio di semplice aceto ad una tazza di latte, e lasciando riposare per 10 minuti. Risultato strepitoso. Facilissimo e veloce!

  • Posso usare la farina d’avena mio figlio adora i tuoi pancake fatti e rifatti sempre buoni ora mi ha chiesto di farli con farine alternative complimenti per tutte le tue ricette

  • Ciao Laurel! Stasera proporrò i tuoi ottimi pancackes ai miei amici :) mi chiedevo se il latticello fatto lo yogurt e il latte si potesse conservare o meno,poichè ne serviranno solo 220 gr per la ricetta.

  • Ciao a tutti. Vivo a Pisa. Dalle mie parti ho trovato il latticello all’Eurospin e da Myosotis un emporio biologico V. Andrea Pisano 123 (per chi volesse andare…)

  • al posto dello jogurt bianco posso usare quello alla vaniglia?avevo trovato tempo fa una ricetta che dava come ingrdienti solo il late e il succo di limone.L’ho sempre usato per fare gli scones con l’uvetta seguendo una ricetta inglese.

  • Laurel,
    Sei un grande! Finalmente ho trovato un sito giusto! Da tanto che volevo fare delle torte “americane” ma purtroppo é difficile trovare la traduzione giusta. Stavo x tradurre il buttermilk con burro con latte ????

  • ciao!..sono venuta a conoscenza del latticello da poco tempo e purtroppo non riesc0 a trovarlo da nessuna parte :-( e sono un po’ confusa su cosa sia veramente ..si parla di latte fermentato…ma nei supermercati ce scritto latticello oppure è sotto un altro nome?io ho trovato il kefi ma è la stessa cosa?…stamattina al mercato in un banco dei formaggi fatti da un azienda agricola ho chiesto di questo prodotto..mi ha detto che lui può farmelo avere perché tutti i giorni fa il burro…ma non è pastorizzato…mi dite voi se quello è il latticello?..e poi il fatto che non sia pastorizzato posso utilizzarlo senza problemi per fare le torte? visto che le mangia anche il bambino…vi e scusatemi per le tante domande

  • Ciao, sul sito Naturei.it vendono anche il latticello in polvere, in comode bustine monodose da re-idratare all’occorrenza e senza sprechi. Anche negli States mi pare esista e si usi la versione powder. Che ne pensi, stesso risultato ? Sicuramente più comodo di doverlo andare a cercare ogni volta che serve in posti lontani.

  • Ciao! Su un altro blog ho letto che il latticello ricavato dal burro non rappresenta un valido sostituto di quello attualmente in commercio, perché non fermentato e quindi completamente diverso. Tu cosa ne pensi?

  • A Pordenone il latticello (Buttermilch Torvis) è in vendita all’Ipercoop del Centro Commerciale Meduna. Non sempre ma c’è.
    E’ un peccato che io abbia scoperto il libro American Bakery solo adesso che fa caldo e accendere il forno non è l’ideale. Ho fatto un paio di ricette e le ho trovate molto (troppo) buone. In particolare i brownies: che delizia!!! Ciao, Fulvio

  • ciao! bel blog complimenti! volevo segnalare che in Alto Adige il latticello si trova in tutti i supermercati!
    In toscana lo trovo a volte nei Naturasì! :)

  • Ciao, volevo segnalare che tempo fa avevo trovato il buttermilch nel negozio Pam di Udine centro, era a marchio Torvis (gruppo Parmalat)

  • Ciao, ho usato il kefir per fare i pancake come sostituto del latticello della tua ricetta e sono venuti buonissimi ….come mangiati negli Sates!!

Lascia un commento