Cheesecake

Ieri notte ho sognato la cheesecake. Non era un sogno goloso né estetizzante, non mi stavo rotolando nuda su una montagna di torte. Era, piuttosto, un sogno culinario ossessivo compulsivo, una sorta di avvertimento. Domani sera terrò una lezione a La Scuola de La Cucina Italiana e ho sognato che  durante la lezione (orrore!), avrei bruciato la cheesecake!!!

Ciò non è del tutto assurdo, le cheesecake possono nascondere insidie nella preparazione, devi sempre tenerle sotto controllo poiché le variazioni nella temperatura del forno possono influenzare molto il risultato finale. Io ne ho preparati centinaia, ormai, e se ne ho sbagliato qualcuno all’inizio, è anche vero che ciò non mi accade da molto tempo. Ma a parte questo mi domando: nel mondo del mio subconscio dove potrei volare, combattere draghi o rotolare nuda su una montagna di torte, perché devo sprecare il mio tempo bruciando cheesecake?
Invece di speculare eccessivamente sulla poca fantasia del mio subconscio, preferisco prendere il sogno come stimolo ad esercitare la mia memoria sul cheesecake e a condividere con voi alcuni piccoli segreti in proposito.

Tre importanti consigli per un’ottima cheesecake:

1. è fondamentale che il il formaggio Philadelphia sia a temperatura ambiente per evitare la formazione di grumi.

2. Non esagerate a sbattere la farcitura, deve essere ben amalgamata ma non troppo lavorata all’eccesso.

3. State attenti a non cuocere troppo la torta o verrà troppo asciutta . La cheesecake deve essere sfornata poco prima che si solidifichi completmaente, il centro deve essere ancora leggermente tremolante. Si cuocerà a puntino con il calore residuo.

Ecco fatto! Il processo è veramente molto semplice: prestando attenzione ai tre punti sovraelencati sarete ricompensati da un delizioso ed irresistibile dessert. Nel frattempo, incrociate le dita che il mio sogno non fosse profetico e che anzi rimanga semplicemente un noiosissimo incubo.

La vera cheesecake americana

Per la base:
  • 100 g di biscotti digestivi sbriciolati (frullati nel robot da cucina fino ad avere un composto fine e uniforme)
  • 60 g di burro fuso, più un po’ per imburrare.
  • 2 cucchiai di zucchero
  • uno stampo a cerniera di 24 cm

Scaldate il forno a 170°C. Mescolate tutti gli ingredienti con una forchetta. Spennellate di burro fuso la base e le pareti dello stampo a cerniera di 24 cm. Schiacciate il composto sul fondo dello stampo aiutandovi con il fondo di un bicchiere. Cuocete finché inizia a scurirsi sui bordi, per circa 13 minuti. Sfornate e fate raffreddare mentre preparate la farcitura.

Per la farcitura:

  • 950 g di formaggio Philadelphia, ammorbidito a temperatura ambiente per 30 minuti
  • 250 g di zucchero
  • scorza grattuggiata di un limone
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia (liquida)
  • 4 uova, a temperatura ambiente
  • 2 cucchiai di farina
  • 120 g di yogurt bianco
Per 10-12

Scaldate il forno a 260°C. Lavorate il formaggio Philadelphia con lo zucchero per circa un minuto, solo fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi. Unite la scorza di limone e l’estratto di vaniglia.

Unite le uova, una alla volta, raschiando la ciotola e lavorando il composto finché è appena omogeneo. Unite la farina.

Aggiungete lo yogurt, mescolando solo il necessario per amalgamare il tutto, ma non lavorate troppo il composto.

Versate il ripieno sulla base cotta e raffreddata nello stampo a cerniera, e infornate a 260°C per 10 minuti. Poi, senza aprire il forno, abbassate la temperatura a 90°C e proseguite la cottura per altri 40 minuti, o finché la torta è quasi soda ma con il centro (con un diametro di circa 10 cm) ancora leggermente tremolante. Trasferite lo stampo su una griglia, passate la lama di un coltello lungo il bordo della torta e fate raffreddare del tutto (2-3 ore). Mettete la torta in frigorifero per almeno 3 ore. Togliete il bordo dello stampo e mettete la cheesecake su un piatto. Servite la torta fredda o a temperatura ambiente.

Per la salsa alle fragole:

  • 500 g di fragole fresche
  • 150 g di marmellata di fragole
  • il succo e la scorza grattugiata di mezzo limone

Lavate e tagliate le fragole e sistematele in modo grazioso sulla cheesecake. Scaldate la marmellata e il succo e la scorza di limone in un pentolino a fuoco basso finché il composto è liquido e sobbolle, poi cuocete per 2 minuti, mescolando. Fate raffreddare leggermente e poi spennellate o versate sulla torta, oppure servite a parte.

181 Comments

  • Ciao Laurel,
    1o minuti a 260°C, o sono 160°C??
    E’ un errore di battitura????

    grazie per il chiarimento

  • Ciao Laurel!
    Grazie per la risposta!
    Invece dei frutti di bosco che mi dici? Se ci guarnisco la cheese quanto pensi possano durare? L’ultima volta ho fatto delle tartelette e dopo qualche giorno hanno fatto un pò di muffa..

  • Ciao Laurel,
    entro quanti giorni andrebbe consumata una cheesecake perché mantenga tutte le sue proprietà e non si “guasti”?
    Grazie come sempre,
    Francesca

  • ciao laurel ma lo stampo quanto deve essere grande? grazie in anticipo.
    ps: le tue ricette sono favolose

  • Tutte le volte che ho provato a farla non è mai uscita bella….provo con questa …..complimenti ……

  • E’ buonissima! L’ho provata ieri ed è venuta perfettamente, anche se ho usato uno stampo da 26 cm. Invece delle fragole ho messo una specie di crema alla cioccolata che stava proprio bene. Complimenti per la ricetta e grazie! :)

  • Ciao Giulia, puoi provare a dimezzare le dosi. Non l’ho mai provato quindi non ti posso assicurare niente. Tieni ad occhio i tempi di cottura perche’ saranno sicuramente piu brevi.
    A presto!

  • Ciao Laurel, vorrei provare ha fare questa deliziosa cheescake e volevo chiederti se dimezzo le dosi della farcitura va bene ugualmente? la torta potrebbe venirmi piu bassa? grazie

  • Ciao Alessandro,
    Mi dispiace che la cheesecake non sia venuta bene. E’ una delle ricette piu’ complicate da eseguire dato che la cottura dev’essere esatta.
    Per la base non so cosa sia sucesso, ma la farcia sicuramente non e’ stata cotta abbastanza, oppure non e’ stata tagliata prima di essere raffreddato completamente. La torta dovrebbe raffreddarsi completamente poi passare qualche ora in frigo prima di essere tagliata. Spero che la prossima volta ti venga meglio!
    A presto-
    Laurel

  • Cara Laurel, domenica scorsa ho fatto per la prima volta la cheesecake seguendo la ricetta nel tuo libro “American Bakery”…ma qualcosa è andato storto, così ho pensato di chiederti consiglio!

    La base di biscotti non si è solidificata, al momento del taglio risultava morbida…non so che cosa sia successo.

    Essendo la prima volta che cucinavo la cheesecake, non avendo dunque termini di paragone…mi è sembrato che il dolce non sia stato cotto come si deve: un bordo di 4-5 cm asciutto e il centro morbido…ma forse troppo morbido. Deve venire così oppure, con il calore residuo, deve comunque rapprendersi uniformemente?

    HELP ;-)

    Ci tengo a dire che, in ogni caso, a parte i problemi che ho scritto…il sapore era strepitoso, tutti hanno fatto il bis e mi hanno detto che era buonissima! Magari mi sto facendo io troppi problemi sulla consistenza finale della farcia.

  • Ciao Laurel, oggi avevo bisogno di tirarmi un pó su di morale e cosí ho provato questa ricetta. Risultato: morale alle stelle! Come tutte quelle che ho provato, anche questa é strepitosa. Grazie per queste delizie e buon anno!

  • Ciao Silvia. Sicuramente i tempi di cottura cambieranno se dimezzi le dosi e usi uno stampo più piccolo, ma di quanto non saprei dirtelo! Dovrai solo controllare spesso la torta per non cuocerla troppo! a presto! -L

  • Ciao Laurel, a Natale mi è stato regalato il tuo libro American Bakery: una gioia per gli occhi sfogliandone le pagine e sicuramente una gioia per il palato non appena mi cimenterò con le tue ricette :-) Il mio primo tentativo sarà una cheesecake, dolce che adoro. Vorrei però farne una più piccola dimezzando le dosi e usando uno stampo da 16 cm. Mi chiedo se il procedimento e i tempi di cottura debbano restare gli stessi. Tu che sei esperta che dici? Grazie!

  • Grazie mille per la pronta risposta! Vada per i dolci allora..poi se usciranno bene, mi diletterò con il pasto completo!! Grazie ancora e in bocca al lupo x la bimba ;)

  • Ciao Maela! Dipende cosa ti piace cucinare di più. American Bakery contiene solo dolci, mentre Buon Appetito America contiene anche piatti salati. Essendo più recente, le ricette di American Bakery sono state testate di più, e sono molto soddisfatta dei risultati. Ma devi vedere tu se vuoi concentrarti sui dolci oppure fare anche la cena americana completa!

  • Ciao Laurel!!! Non avevo proprio idea che tu avessi un blog (nonostante ti abbia sempre seguita nelle varie apparizioni tv)! Devo dire che questa ricetta é molto semplice!!! Devo assolutamente farla asap!!! Volevo chiederti una cosa se possibile: ho chiesto a mia suocera di regalarmi un tuo libro x natale (poi comprerò sicuramente anche gli altri)…ma sono indecisa su quale farmi regalare x prima..se il tuo primo libro oppure l’ultimo! M sembra che il primo sia più completo circa la cucina americana..aspetto un tuo consiglio! Se hai tempo e voglia di rispondermi!!! Grazie grazie! :D Maela

  • la tua ricetta deve essere sicuramente ottima, mi hai fatto venire una gran voglia ma ahimè devo dirti che la tua non è la vera ricetta americana.
    ciao

  • Ciao Laurel!
    A breve per occasioni varie mi capitera’ di fare per ben due volte la cheesecake. Sara’ la prima volta che seguiro’ la tua ricetta e mi chiedo: trovando facilmente la sour creme, e’ preferibile farla secondo la ricetta originale o mi consigli in ogni caso di usare lo yoghurt? E nel caso mi consigliassi la sour creme, le dosi sono le stesse?
    Grazie mille!!!

Lascia un commento