Brownies

Questa, tra tutte le ricette americane che ho proposto in Europa, è stata di gran lunga quella di maggior successo. So anche di non essere sola, ho avuto infatti il grande piacere di leggere il libro di David Lebovitz, Sweet Life in Paris, nel quale lui viaggia spesso per la città portando i suoi brownies ad amici e conoscenti per consolidare i suoi rapporti con gli altri. Pensatela come una sorta di diplomazia gastronomica. Questa è il mio cavallo di battaglia, posso farlo con gli occhi chiusi ed in tempo zero, e più di una volta mi è capitato alle 3 del mattino, se adeguatamente pregata da un gruppo di amici affamati. La posto oggi in onore della raccolta di ricette americane di Anice & Cannella. Sono rimasta molto sorpresa e contenta di scoprire il suo post su una ricetta del mio libro e sulla sua conseguente proposta della raccolta.

Brownies al cacao

  • 150 g burro
  • 250 g zucchero
  • 75 g cacao amaro (in polvere)
  • 1/4 cucchiaino sale
  • 1/2 cucchiaino essenza di vaniglia (facoltativo)
  • 2 uova, fredde
  • 60 g farina
  • 50 g noci tritati (facoltativo)

Scaldate il forno a 180 gradi. Foderate di carta da forno una teglia quadrata di circa 20 cm.

Fondete a bagnomaria il burro, zucchero cacao, e sale, mescolando tanto in tanto finche’ il composto e liscio e caldo. Togliete dal fuoco il pentolino e lasciate  raffreddare un leggermente.

Quindi unite l’essenza di vaniglia e mescolate con un cucchiaio di legno. Poi incorporate le uova, una per volta, e mescolando vigorosamente dopo ogni aggiunta. Quando il composto e’ denso e omogeneo, aggiungete la farina e sbattete con forza per un paio di minuti. Se le usate, aggiungete le noci a questo punto.

Quindi versate il composto nella teglia e infornate per 20-25 minuti a 180 gradi. Cuocete finche’ un stecchino infilzato nel dolce ne esce ancora con qualche briciola attaccata.Tagliate in 16-25 quadratini.

La raccolta di Anice & Cannella:

272 Comments

  • Grazie Roberta! L’estratto di vaniglia si puo’ fare facilmente in casa! Metti 4-5 bacche di vaniglia (incisi verticalmente) sotto mezzo litro di alcol alimentare per un paio di mesi. agita il baratolo una volta a settimana per mescolarlo. Dopo due mesi hai un’estratto buonissimo! Puoi riboccare il baratolo e non ti finisce mai/
    a presto!

  • Cara Laurel, li ho preparati per la II volta, sono ottimi!!!
    Devo solo perfezionarmi un po’ nella cottura x raggiungere il giusto grado di umidità ciocco-burrosa;)
    Il tuo libro è davvero invitante, le foto adorabili(che colori e che poesia!), lo acquisterò presto e lo regalerò a Natale…sarà di certo 1 atto di BONTA’;)
    un abbraccio e a presto

  • Provati subito e sono meravigliosi!! Ho avuto i complimenti di tutti! L’estate scorsa sono stata in America e a volte divento nostalgica delle cose che ho mangiato! Grazie a te potrò riproporle! Un bacio!

  • grazie, sono venuti ottimi!anche se non ho fatto il bagno maria (ho cotto lentamente mescolando sempre a fuoco minimo)…che gusto!deliziosi

  • ciao Laurel, ti ho scoperta da poco e il tuo blog è assolutamente fantastico… in questo periodo mi sto interessando molto alla cucina americana, pensa che da luglio e per i prossimi 3 anni sarò a Washington!!! Dovrò dare un’impronta decisamente più americana al mio blog! A presto

  • ciao!!!!! ho appena scoperto questo tuo meraviglioso blog, wow!! io mi sono innamorata dei brownies la prima volta che sono stata a new york (tra un mesetto ci torno per la terza volta!), adesso grazie a questa ricettina posso provare a farli anch’io! grazie!

  • ciao Lourel ,
    sono un appossionato di cucina americana e in particolare mi piacciono molto i Brownies, volevo chiederti in molte ricette viene utilizzato cioccolato fondente , nocciole o mandorle mi potresti dire la differenza tra le molte ricette che si trovano in rete?

  • Ciao Veronica! Il cacao contiene pochissimo burro di cacao, mentre la tavoletta di cioccolato ne contiene un bel po. Quindi se usi il cioccolato fondente a tavoletta dovresti diminuire un pochino la quantità di burro. A presto!
    -L

  • ciao io vorrei sapere se nella ricetta dei brownies usare il cacao in polvere e quello fondente a tavoletta è uguale? ciao veronica

  • ciao!
    ho provato i Brownies originali fatti dalla stessa Laurel ad una serata in cui c’erano solo dolci da mangiare. che dire? Erano di gran lunga il migliore dolce tra tutti!

    dario

  • Ciao Laurel,
    sono una neo-foodblogger e ieri ho provato i tuoi brownies, veramente buonissimi!Grazie per la ricetta e complimenti per il tuo libro!
    A presto!
    Lo

  • Ciao Laurel!
    E’ vero i brownies sono sempre un successone!!!
    E piacciono proprio a tutti.

    Un sorriso,
    D.

  • Cara Laurel
    ieri ho provato la tua ricetta …complimenti!!
    Ho seguito passo passo i tuoi step e mi sono venuti molto bene (non ho messo le noci xchè non mi andava di andare alla coop!!!)
    A presto
    Manu

  • Ciao, complimenti per il blog, passerò spesso a leggerti!
    Intanto prendo nota della ricetta che voglio provare al più presto!
    Un abbraccio!
    Paola

  • @Manuela Ciao! Fammi sapere come vengono, sono sempre curiosa come funzionano le mie ricette per gli altri…
    @Rocco Grazie! Che bel complimento! Bello anche il tuo blog, si vede che hai tanta esperienza nel campo. A presto!

  • Ciao sono Rocco blogger anche io… volevo solo dirti una cosa…
    Questo blog è me ra vi glio so .
    C’è passione e si respira esplorando il tuo blog.
    un grande saluto e continua così…
    Rocco.

  • Ho scoperto il tuo blog e il libro ascoltando la pina e diego
    di radio deejay…Io non ho un blog ma ho la passione della cucina
    Questi brownies sono da provare
    Ti farò sapere come mi sono venuti……

  • Ah sicuramente, certo che pero’ con quello che pesa portarsela in valigia, che peso!!!
    Quando hai intenzione di andare?

  • Ciao Monica! Che bella la colomba! Alla fine mi sono resa conto che e’ molto piu’ conveniente prendere la KitchenAid in America, aspettero’ mio prossimo viaggio per comprarne una! (Certo, non sara’ facile farcela stare nella valigia…)

Rispondi a Rocco Annulla risposta